Il gate ha aperto. L’attesa tra i controlli di sicurezza e l’arrivo delle hostess della compagnia aerea al banco del gate sembra sempre troppo lunga, ma finalmente stanno iniziando a controllare passaporti e boarding pass. E’ il pomeriggio del 31.12 e per chiudere in bellezza il nostro folle 2018 le ore precedenti la serata più festaiola dell’anno le trascorreremo in volo  per rientrare “a casa”, a Malta. 

In coda dietro di noi un gruppo di ragazze  chiacchiera, e non posso fare a meno di ascoltare la conversazione. Sono dirette a Malta per trascorrere lì il capodanno e dalla loro agitazione (e giovane età) deduco sia uno dei loro primi viaggi della vita.  Una di loro ha paura di volare, è il secondo volo che prende in tutta la sua esistenza, annuncia. Sorrido. 
Guardo il mio compagno di incoscienti avventure e gli chiedo “Noi, quanti voli abbiamo preso quest’anno?!”
Mi metto a contarli, il numero mi spiazza. Sono moltissimi, per me.
Come un fiume in piena  la mia mente inizia a fare conteggi su tutte le altre particolari esperienze vissute in questo anno così scapestrato.  Sono numeri che parlano di emozioni.  Numeri che decretano il successo del mio dettagliato progetto:  vivere una vita senza progetti 😀  Con il positivissimo significato di vivere la vita che meglio credo, senza piani imposti, e fare le esperienze che desidero davvero, quando le desidero davvero, senza regole, senza piani, senza binari da seguire. 

Da lì è nata l’idea di questo articolo, una sorta di bilancio del nostro 2018, in numeri 🙂

IL NOSTRO 2018: NUMERI CHE PARLANO DI EMOZIONI

1 NUOVA PATRIA
Il 2018 ci ha regalato l’emozione che sognavamo da tempo, quella di comprare un biglietto sola andata per un paese straniero e provare l’ebbrezza di vivere all’estero. La parola “expat” ha sempre fatto vibrare le corde della mia anima, me la volevo sentire addosso, volevo poter dire “sono una expat anch’io!“. Ho trascinato la mia dolce metà in questo sogno (non c’è voluto molto), e finalmente…siamo expat anche noi!  Le nostre avventure ci hanno portati a Malta, chissà la nostra “erba sotto i piedi” dove ci porterà in futuro.  Eh, già, perche la vita da expat è come una scatola di cioccolatini…non ne hai mai abbastanza! 😛

3 TRASLOCHI
Pochi anni fa abbiamo finalmente spiccato il volo fuori dal nido, lasciando (poco prima della soglia degli “enta”, da buoni italiani mammoni) il caldo rifugio di mamma e papà, e creando il nostro personale nido di coppia. Nemmeno il tempo di trascolare,  renderlo accogliente ed abituarci all’idea  e le vicende della vita ci hanno messo davanti ad un bivio: fare l’esperienza all’estero che tanto volevamo, oppure rinunciarci, forse per sempre. E dato che come dice il buon Oscar “L’unico modo per resistere alle tentazioni, è cedervi”, abbiamo ceduto 😛  
Primo grande trasloco 2018: Italia – Sliema (Malta)!
Secondo trasloco 2018: Sliema (Malta) – Bugibba (Malta)
Terzo trasloco 2018: Bugibba (Malta) – Sliema (Malta)
Motivi di prezzi e disponibilità di alloggio ci hanno fatti muovere in giro per l’isola, e comodità e vicinanza a lavoro e principali servizi ci hanno riportati infine a Sliema.

11 VOLI 
E veniamo quindi al punto che mi ha ispirato questo post, la conta del numero di voli presi quest’anno 😉  Abbiamo entrambi viaggiato abbastanza negli scorsi anni,  specialmente in giro per l’Europa, volando parecchie volte.
Mai però prendendo 11 voli in un anno solo 😉 
6 verso Malta e 5 verso Milano, per la precisione. 
Il primo biglietto sola andata farà sempre pendere la somma verso i voli verso Malta. Fino a che (chissà) ci sarà un volo di ritorno (ci sarà?!) ;P
Una grande differenza rispetto ai nostri voli degli anni passati è che…la tratta questàanno è stata praticamente sempre la stessa! 😀  Eh già, la dura vita da expat implica che le tue vacanze siano trascorse in quel luogo esotico chiamato casa dei genitori 😛  Ma rimediamo eh, si si, stiamo già progettando i Travel Dreams 2019 😉  

326 GIORNI LONTANI DA CASA
Un numero che ci mette i brividi e contemporaneamente ci fa sorridere. Ci sembrano tantissimi. Eppure come sempre accade, sembrano contemporaneamente passati in un soffio.  Non eravamo mai stati così tanto tempo lontani da casa, dagli affetti, dai luoghi che conosciamo e in cui siamo cresciuti. I primi tempi qui ci stupivamo nel realizzare “Ehi, è già un mese che siamo qui!” , e dopo un batter di ciglia vedere la frase diventare già “Ehi, sono già 3 (4/5/8…) mesi che siamo qui!”. Ora invece, è tutto cambiato, è tutto diverso: Malta è diventata casa, la sentiamo sempre più familiare e sempre meno estranea, ed i ritorni in Italia sembrano parentesi nella quotidianità che ormai ha le sue radici altrove. 
Strana inversione di prospettiva, alla quale il cervello ed il cuore stentano ad abituarsi.

8 COLLOQUI 
La ricerca di lavoro all’estero è esaltante. Anche stressante  e capace di metterti davvero alla prova, e farti sudare freddo, ma fondamentalmente è super eccitante! Scrivere il CV in inglese, inviare candidature in inglese, sostenere colloqui in inglese…wow! Una volta compiuta l’impresa, ti senti orgoglioso di te stesso 😀

Malta è un’isola ricca di opportunità, e dopo davvero pochi giorni di ricerca e pochi colloqui (8 in due), abbiamo trovato entrambi un’occupazione! 

3 LAVORI
Quando sostieni un colloqui in inglese in un paese estero, e fai anche magari una decente performance, ti senti onnipotente per qualche minuto 😀 Se poi dopo il colloquio segue anche un’assunzione, l’autostima schizza alle stelle. Se oltretutto l’assunzione è anche per un lavoro nel settore dei tuoi sogni, bè allora capisci che a sognare in grande, a volte si fa proprio bene! 
Ale è riuscito a restare nel suo ramo, la sua passione-lavoro da sempre, quello della grafica. Io invece, dopo una breve esperienza come cameriera (devo dire sul serio molto molto formativa!) sono riuscita ad entrare nel settore dei miei desideri da sempre: quello turistico!  Lavoro in una DMC,  in contatto con clienti, tour operator, compagnie di trasporto ed ogni altro operatore del settore. Esaltante non è per me abbastanza per definire l’esperienza ;P

26 NAZIONALITA’
Russia, Grecia, Olanda,  Giappone, Malta, Francia, Venezuela, Brasile, Italia, Australia, Belgio, Corea, Ucraina, Germania, Perù, Spagna, Cipro, Svizzera, Inghilterra, India, Polonia, Ungheria, Lituania, Canada, Bulgaria, Turchia. Sono circa 26 le nazioni di provenienza delle persone incontrate lungo il nostro cammino qui. Sicuramente qualcuna ci sfugge al conteggio, ma una cosa è certa: non è paragonabile a null’altro l’insegnamento che  può dare il mettersi  a confronto con persone provenienti da parti del mondo diverse, con diverse culture, diversi modi di pensare, diversi background, diverse spiritualità, diverse festività, diversi gusti culinari, diversi punti di vista sul mondo. La prova che “diversità” è “ricchezza” la si ha proprio con queste esperienze, toccando con mano la bellezza racchiusa nello scambio, vedendo tutte le somiglianze oltre le differenze, immergendosi in un ambiente dove la multiculturalità è ovvia e quotidiana. 

1 NUOVO BLOG
UnaNuovaMeta, la nostra neonata creatura, ha preso vita dopo anni di “cova” nel momento in cui la nostra vita da expat è iniziata.
Un altro piccolo sogno che si è realizzato, dopo mesi, forse anni, a prendere polvere nel cassetto dei desideri.  Con l’inizio del blog, sono sbocciate emozioni ed amicizie,  si sono creati scambi e relazioni stupende, si sono aperte le porte su un mondo magico, fatto di sognatori, creatori, scrittori, persone che coltivano le loro passioni, cosa che da sempre a tutto e tutti una marcia in più. Si è aperta la diga della creatività, lasciando fluire parole, immagini, progetti, idee a non finire. Sono anche sbocciate infinite cose da imparare, da studiare, da sapere, da capire. Sono aumentati gli impegni, le cose da fare, e la necessità di allenare la costanza, la pazienza, la propria forza di volontà. Ogni piccolo progetto ci mette alla prova, e se anche “solo” gestire un piccolo blog ci permette di lavorare su noi stessi per scoprirci anche solo un po’ migliori, bè il gioco vale certamente la candela. 

18 ARTICOLI SCRITTI 
…a fronte di decine preparati e non ancora pubblicati, perchè sono da revisionare, perchè aspettiamo il giusto momento o la giusta stagione, perchè non ci convincono perchè chi lo sa. Insieme a loro, giacciono nella nostra mente infiniti altri articoli che vorremmo scrivere per parlare di tutte le esperienze interessantil, curiose, particolari o semplicemente belle che abbiamo avuto la fortuna di vivere. 
Insomma, 18 sono meglio di niente, ma sotto la media che avremmo voluto tenere. Purtroppo o per fortuna la “nuova vita” ci ha travolti riempiendoci di bellissimi impegni. In ogni caso, quando hai una “creatura” online, moltissima parte dei pensieri – amici blogger mi capirete 😛 – è rivolto a lei: questo devo scriverlo, questa foto potrei pubblicarla, questo argomento potrebbe diventare una rubrica, stasera finiamo l’articolo, domani editiamo le foto, guarda quello scorcio, non possiamo non postarlo su IG!  😛 Un bellissimo e creativissimo impegno, che succhia energie, ma da (spesso) bellissime soddisfazioni!

156 FOTO PUBBLICATE SU IG 
E 21’584 Likes. Così mi fa sapere BestNine 🙂
Che dire, se non grazie infinite  a tutte le 21’584 dita che hanno premuto sul tasto like?!  Spesso la lotta con la crescita, i followers, l’engagement, l’algoritmo misterioso che sembra un’entita astratta che governa il mondo, etc ci fa perdere di vista ciò che sta dietro tutto ciò e le ragioni che ci spingono a farlo.  Passione, condivisione, dedizione, interesse, voglia di scambio e curiosità verso il mondo, voglia di coltivare un progetto, voglia di esprimerci e di lanciare un messaggio, il nostro personale messaggio. Probabilmente la scintilla parte da una o più di queste spinte, in cui i numeri non  trovano molto spazio.  In ogni caso, quando i numeri che salgono sono il frutto di impegno e costanza, di sudore e sacrifici, allora ben vengano, e ben venga l’entusiasmo nel vederli crescere 😉  Instagram, e ogni altro strumento “social” sono nostri compagni in questa avventura: ci permettono di comunicare la nostra esperienza, trasmettere le nostre emozioni, incuriosire, invogliare altre persone a seguire le loro folli idee,  aprire il sipario sul nostro girovagare, la nostra vita qui e tutti i viaggi passati che sono parte integrante di ciò che siamo. 

6 VALIGIE 
Sono ben 6 le valigie che ci accompagnano in questa avventura, tra valigioni e trolley cabine size, tra quelle con cui siamo arrivati e quelle comprate qui, per sostituite i poveri bagagli a mano usurati dai troppi spostamenti della vita. (Senza considerare zaini e zainetti di varie fattezze e dimensioni). 
Occupano più spazio di noi nel nostro mini appartamento, e guardarle ci fa sentire sempre in movimento.  E’ così che ci vogliamo sentire, sempre in movimento, sempre in viaggio, sempre alla scoperta.  Mai fissi in un luogo per obbligo, ma solo per scelta. 

3 (+1) I MEZZI DI TRASPORTO
Sono tre (+1) i mezzi di trasporto che abitualmente utilizziamo: bus, bici, barca e…piedi!  Abituati da sempre ad avere l’auto a portata di mano, quest’anno è stato invece “car-free” 😉  Tra i vantaggi di vivere su un isola c’è anche il fatto che le distanze si riducono, e che nonostante i 316 km quadri di Malta, niente sembra mai così lontano. La bellezza di vivere a due passi dal mare poi ti permette di muoverti avendo sempre le onde davanti agli occhi, ed è a dir poco meraviglioso. Un abitudine che sarà molto dura (eventualmente) eradicare.  Ci siamo riabituati a muoverci a piedi, il che è molto ecofriendly e anche salutare.  Ci siamo abituati a prendere i mezzi pubblici, che nonostante sia a volte (spesso) non proprio l’esperienza più bella della vita, è comunque meglio che contribuire ad intasare un isoletta di auto anche quando non strettamente necessario, ed è certamente più economico.   Inoltre, c’è un servizio di noleggio biciclette molto carino ed efficiente, che ci ha spesso permesso di andare in ufficio la mattina pedalando sul lungomare. Infine, quanto è bello poter raggiungere la capitale in traghetto? O spostarsi a Gozo navigando in mezzo al mare?  Acqua, acqua ovunque, il mare diventa un compagno di vita inseparabile. E meraviglioso.

INCONTABILI
I luoghi meravigliosi scoperti in questa nostra seconda patria. Impossibile elencarli ed enumerarli, abbiamo esplorato l’isola in lungo e in largo ed  ci rendiamo conto che…ancora non abbiamo visto niente! La nostra sete di scoperta non si è placata, e Malta ha ancora moltissimo da offrirci. Abbiamo preso il sole in spiagge da sogno, ammirato tramonti mozzafiato da punti panoramici spettacolari, passeggiato in stradine dorate che sembravano uscite da un quadro, solcato le onde su barchette coloratissime, ci siamo commossi davanti a baie selvagge ed emozionati guardando le onde di un mare stupendo infrangersi maestoso sulle rocce…  Ed è solo l’inizio 🙂

INFINITE 
Le volte che ridiremmo si a quest’avventura.
Infinite le emozioni provate.
Incontenibile la soddisfazione quando sai di aver fatto il  primo passo nella direzione dei tuoi desideri
Incontenibile l’entusiasmo che pompa nelle vene ogni giorno, quando decidi di seguire la tua strada e dare forma ai tuoi sogni.
Indefinita la differenza tra il vivere su binari che non senti tuoi, e prendere invece in mano il volante, per decidere tu la direzione del tuo cammino. 
Inebriante, la libertà che respiri, a pieni polmoni, con un sorriso ebete sul viso ogni volta che ti rendi conto che hai avuto davvero il coraggio di farlo.