Lo scorso weekend ci siamo ubriacati: di nuovi paesaggi, di esperienze inedite e di passione. Partecipare all’evento La Vendemmia a Torino  è stato come berne un calice stracolmo.

Dal 12 al 20 Ottobre la città della Mole Antonelliana si è trasformata in un’oasi di eccellenze vitivinicole ed è stata palcoscenico di un ricchissimo palinsesto di eventi legati al nettare degli dei: il vino, quello buono, quello genuino, quello frutto delle più affascinanti tradizioni.  Amiamo alla follia scoprire i territori attraverso le loro storie più vere e le loro tipicità ed essere invitati a visitare Torino per la prima volta in questa veste inedita ci ha entusiasmati fin da subito.

TORINO INEDITA: SCOPRIRE LA CITTA’ TRA VINI E  TIPICITA’ PIEMONTESI

Torino ci ha accolti sabato mattina presto, regale e rilucente per le piogge dei giorni precedenti che creavano giochi di riflessi sui suoi selciati. Il nostro viaggio Milano-Torino è stato comodo e rilassante, grazie al fatto che abbiamo scelto per spostarci un bus di Flixbus: un’altra prima volta del weekend di cui parleremo a breve.  Arrivare presto ci ha permesso di goderci la città e di fare la sua conoscenza prima di tuffarci negli appuntamenti della Vendemmia, quasi tutti in partenza verso le ore dodici.

ESPLORANDO TORINO PER LA PRIMA VOLTA: BREVE TOUR DEL CENTRO CITTà

Dal nostro punto di arrivo in città riscendiamo Corso Vittorio Emanuele per muoverci verso Piazza della Repubblica, dove sorge il Mercato Centrale di Torino – una delle location principali di Vendemmia a Torino. Camminando tra le vie di una città che si è appena svegliata, ci guardiamo attorno cercando di ambientarci in questo luogo mai visto prima e assaporiamo con piacere immenso tutte le sensazioni della “prima volta”.

L’ottagonale Piazza della Repubblica, cuore dell’area cittadina di Porta Palazzo, ospita nella sua immensa metratura alcuni dei più storici mercati torinesi. Ogni prodotto trova il suo posto negli spazi mercatali coperti di Porta Palazzo: generi alimentari al Padiglione IV detto anche Antica Tettoia dell’Orologio, frutti del mare al Mercato Ittico o Padiglione II ed ancora carne ed alimenti al Padiglione V. Il Mercato Centrale, inaugurato nel maggio 2019 ha riqualificato l’area un tempo dedicata all’antico Mercato dell’Abbigliamento ed ospita oggi botteghe artigiane di leccornie del territorio, oltre che eventi e momenti culturali. L’area scoperta di Piazza Repubblica è ancora oggi sede del più grande mercato all’aperto d’Europa.

Gironzoliamo per le bancarelle della piazza, per poi scivolare nelle viette del centro di Torino e sbucare in Piazza Palazzo di Città, nota anche come antica “Piazza delle Erbe” e sede del Palazzo Civico. Proseguiamo ancora tra i vicoli che si stringono attorno a noi per poi riaprirsi in una nuova enorme piazza torinese, Piazza Castello, anch’essa protagonista dell’evento Vendemmia a Torino in quanto sede dell’elegante container dall’evocativo nome “Isola Degustazione” 🙂

Ammiriamo la piazza, le sue fontane ed il Palazzo Madama che vi si affaccia e passeggiamo poi verso la Piazzetta Reale intrufolandoci nel cortile di Palazzo Reale ed esplorando i Giardini Reali ammantati dai colori unici del foliage.

LA VENDEMMIA A TORINO: IN SCENA LE ECCELLENZE DEL PIEMONTE 

Usciamo da questo breve tour ancora più incuriositi da Torino e ripromettendoci di tornarci a breve per scoprirne ogni angolo, museo e palazzo con la calma che richiedono.  

Voliamo quindi verso il Mercato Centrale dove nel frattempo La Vendemmia a Torino- Grapes in Town è entrata nel vivo: al primo piano del Mercato infatti oltre cento etichette di vini piemontesi d’eccellenza si sono date appuntamento per lasciarsi scoprire in ogni loro sfumatura. Accanto a loro le Agenzie Turistiche Locali delle meravigliose e variegate zone del Piemonte sono a disposizione per raccontarsi e parlare delle loro tipicità.  Ci lanciamo in questo bagno di autenticità immergendoci  a capofitto nel territorio, ed assaporando il Piemonte un calice di vino alla volta mentre chiacchieriamo con gli entusiasti rappresentanti  degli enti di promozione turistica.   

Raccogliamo il materiale che le aziende turistiche hanno preparato per noi, discutendo con loro di itinerari enogastronomici, visite guidate alle cantine e percorsi alla scoperta delle mille varietà di riso piemontese. Viaggiamo con la mente tra castelli e borghi ricchi di storia mentre sogniamo di praticare le tante attività outdoor che il Piemonte rende possibili: trekking, sci, mountain bike, tutto è fattibile in questa regione che scopriamo essere ancora più ricca di quanto già ci aspettassimo. Un armonioso mix di aree diverse accomunate dall’estrema bellezza e rese uniche dalla propria genuinità.

Parlando con le ATL, abbiamo un primo assaggio del leitmotiv che guida l’intera manifestazione: la passione autentica, quel sentimento di trasporto e dedizione totale verso ciò che si fa, si rappresenta, si ama. Ne respiriamo della più intensa, anche quando ci spostiamo verso i banchi degustazioni ed iniziamo ad interagire con i produttori locali, i consorzi e le cantine presenti. Durante le giornate di Vendemmia a Torino i produttori dei migliori vitigni piemontesi hanno messo a disposizione le loro uve migliori, la voglia di condividere le loro conoscenze e l’amore infinito per la loro terra e le sue produzioni. Rimaniamo affascinati da questi fieri detentori di tradizioni e tecniche per trasformare un frutto della Terra in un nettare dalle mille sfumature. E ci vediamo offrire da loro non solo calici di vino, ma una panoramica sul loro forte legame con il territorio, che lavorano con impegno costante per trasformarlo in qualcosa di unico e rinomato. 

Passiamo da raffinati rosé a bianchi fermi, da rossi decisi a bollicine, per un viaggio nel gusto e nelle tecniche di vinificazione più raffinate. Ascoltiamo con estrema attenzione le parole di chi ci accompagna in questo viaggio di scoperta, ammaliati dalla loro conoscenza profonda della materia.

portici divini: itinerari unici nel centro di torino

Gli eventi di scoperta non si fermano per noi al Mercato Centrale, ma proseguono lungo le strade del centro di Torino con i tour speciali di Portici Divini 🙂   Itinerari guidati tra i vicoli della città, alla ricerca di locali storici di Torino, di angoli nascosti e dei lati più veri e autentici del capoluogo piemontese. Il tutto condito con degustazioni di prodotti tipici torinesi.  Valentina, un’appassionata guida locale accompagnerà noi ed altri colleghi blogger in un percorso molto particolare. Con un entusiasmo contagioso la nostra guida personale ci porta in giro per la città a fare la conoscenza di attività artigianali dalla lunga tradizione e commercianti con storie che si perdono nei secoli, parlandoci tra una tappa e l’altra di dettagli di Torino che solo una guida esperta  può conoscere.

Incontriamo Valentina proprio davanti alla nostra prima tappa, la Torteria Olsen, un locale con 10 tavoli e cura per i propri prodotti da vendere, all’interno del Quadrilatero Romano. I proprietari ci invitano in un ambiente informale e super accogliente, dove ogni giorno vengono preparati prodotti freschi utilizzando materie prime di qualità. Una produzione casalinga e verace di torte dolci e salate, e piatti tendenzialmente vegetariani, da abbinare alla vastissima scelta di té e tisane conservate con amore sulle mensole del locale. Assaggiando la prima torta salata che ci viene offerta andiamo in estasi e pensiamo a come ingredienti così semplici possano produrre un gusto così buono. Accompagniamo il tutto con un Pinerolese Bonarda Gemma Vitis  prima di passare alla degustazione dolce a base di torta vegana di mele e cioccolato fondente, servito con un Eli Brut dell’azienda vitivinicola L’Autin.  La gentilissima proprietaria è felice di raccontare il suo modo di lavorare e di raccontarsi, e resteremmo ad ascoltarla per ore a bocca aperta 🙂

Gironzoliamo tra portici e vetrine per arrivare poi alla seconda golosissima tappa del tour, Produzioni Gianduja Torino, che definiremmo come il Paradiso del cioccolato. I giovani proprietari hanno ereditato l’attività e la portano avanti con dedizione, offrendo prodotti a base di cioccolato di cui il giandujotto rappresenta il fiore all’occhiello. Simpatico plus: gli incarti dei loro cioccolatini sono personalizzabili con colori e nome a scelta. Lasciamo che il giandujotto che ci offrono ci si sciolga in bocca, seguito da un ottimo rosé mentre ascoltiamo Valentina intrattenerci con narrazioni suggestive sulla storia del cioccolato gianduja, su vicende napoleoniche e su re che facevano “la figura dei cioccolatai”. La maestria delle guide di contestualizzare ogni esperienza è magica 🙂

Tra insoliti “palazzi con il piercing”,  curiose storie su Luigi Lavazza e aneddoti sulle Guadinfanti arriviamo alla terza tappa del tour, la Prochet: un negozio di cristalli e raffinati pezzi d’arte per la casa. L’attuale proprietaria ha ereditato passione e attività dai suoi genitori e cerca di trasmetterli alla figlia e alle generazioni future, sperando di mantenere in vita questo elegante negozio nato nel 1861.  Impariamo a conoscere i calici più giusti per ogni tipologia di vino e ci aggiriamo con attenzione in questo delicato negozio senza tempo.

Passeggiamo per un altro – sempre educativo – tratto in compagnia di Valentina, e la salutiamo poi in Piazza Castello davanti all’Isola Degustazioni.  Noi restiamo ancora un po’ a chiacchierare con  i nostri “colleghi” blogger. Parliamo del tour, di Torino e di noi, scoprendoci tutti accomunati da qualcosa di stupendo: l’essere sognatori, sempre alla ricerca di nuovi progetti da realizzare e avventure in cui tuffarsi anima e corpo.  Ci ricordiamo ancora una volta come uno degli aspetti più belli di questo nostro percorso virtuale con Una Nuova Meta sia proprio questa condivisione, profonda e vera, con amici che come noi credono nella meraviglia del mondo e vogliono pensare che tutto sia possibile. Sono sempre una boccata d’aria fresca quando ci parlano dei loro sogni e della dedizione con cui li inseguono.

Rientriamo dopo questa sosta al Mercato Centrale per un secondo giro di degustazioni e continuiamo a fare felice il palato con sapori nuovi – Acqui Rosé, Ghemme, Barbera D’Asti, Erbaluce di Caluso e molte altre perle del Piemonte – mentre attorno a noi la serata si anima sempre di più.  Non perdiamo occasione di farci un selfie personalizzato Vendemmia Torino, presso il totem posizionato all’ingresso del Mercato.  Ed infine, attratti da questo souvenir unico nel suo genere, acquistiamo anche l’annullo filatelico che Poste Italiane ha personalizzato in occasione di La Vendemmia a Torino.

La giornata ci vola letteralmente e ci ritroviamo sul nostro Flixbus di ritorno verso Milano senza nemmeno accorgercene. Non riusciamo a partecipare a tutti gli appuntamenti della manifestazione e ci sfuggono ad esempio a malincuore le Masterclass dedicate al mondo del vino, il giro sui risciò di Bici-T e la possibilità di ottenere un timbro speciale Vendemmia sul nostro Passaporto In Lombardia a Palazzo Barolo. Così come la visita alle Ghiacciaie di Mercato Centrale, esposizioni di capsule di spumante e mille altre attività e visite che avremmo voluto sperimentare a Torino.

La manifestazione insomma era ricca e densa, ed offriva intrattenimenti per tutti i gusti e a tutte le ore. Ovviamente questo vuol dire per noi solo una cosa:  che dobbiamo tornare a Torino a breve e che dobbiamo tenere monitorate le date della prossima edizione di La Vendemmia a Torino – Portici Divini 🙂 

Siamo usciti dalla nostra esplorazione di Torino ebbri e non (solo) per i rosé, i rossi decisi, i bianchi frizzanti.
Ammettiamo di non essere esperti degustatori e di non saper riconoscere al primo assaggio le vinificazioni e i sentori del singolo vino, ma se c’è una cosa che sappiamo ben riconoscere sono le emozioni, l’amore per quello che si fa e la voglia di fare sempre meglio. E a La Vendemmia Torino ce n’era a litri. Noi ne beviamo sempre volentieri a grandi sorsi e guardiamo già con trepidazione al prossimo tuffo nell’autenticità. 

Complimenti a tutti gli enti ed aziende che hanno reso possibile l’evento, tra cui: Regione Piemonte, Città Di Torino, Camera di Commercio Torino, Fondazione Contrada Torino, Eventum, Turismo Torino e Provincia, Visit Piemonte DMO, Paesaggi Vitivinicoli Langhe Roero e Monferrato, Mercato Centrale Torino, In Lombardia, Bici-T, SocialNowTotem,  Associazione Portici e Gallerie Torino.