Un nostro articolo, scritto a cuore aperto esattamente due mesi dopo essere atterrati nella nostra nuova vita da expat  sull’arcipelago maltese, recitava così:  “Partendo, il nostro desiderio più grande era principalmente uno, tanto semplice quanto profondo: emozionarci. <<E quando tu desideri qualcosa, tutto l’Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio>>”

STORIE IN VIAGGIO: UN FIUME TRAVOLGENTE DI INCONTRI

Mettendo piede sull’aereo che ci ha portati a stravolgere – in positivo – le nostre vite abbiamo desiderato con tutto il cuore emozionarci, ed è poco dire che non siamo rimasti delusi. Il segreto del tornado di sensazioni che ci ha travolti è probabilmente solo uno: abbiamo  scelto, in prima persona, dove volevamo essere, chi volevamo essere, cosa volevamo fare delle nostre vite, al di là di ogni percorso più o meno tracciato. E siamo stati ampiamente ricompensati scivolando in un fiume di esperienze ed incontri magici.

Sono proprio gli incontri ad aver colorato di sfumature irripetibili la nostra esperienza di vagabondi nel mondo. La nostra vita in un paese straniero ci ha fatto un regalo incredibile, quello di abituarci alla meraviglia.  Abituarci a farci entrare sotto pelle qualcosa di unico e prezioso: le storie degli “altri”.
I percorsi di vita dei meravigliosi esseri umani, così distanti da noi ma cosi simili, che un intricato gioco del destino ha fatto muovere nel mondo, su sentieri dalla direzione imperscrutabile che miracolosamente puntavano ad intrecciarci con il nostro.

UN VIAGGIO NELLE STORIE: LA SINDROME DEL RISVEGLIO

Viaggiando con la mente aperta, è facile essere incuriositi dalle storie di coloro che incontriamo sul cammino.  Ma abbiamo sperimentato sulla nostra pelle che qualcosa di inspiegabile e unico succede quando si trascorre un lungo periodo in un paese che non è il proprio.  Ci è successo durante il periodo trascorso a Malta, era successo durante i mesi passati in Australia anni fa.  Cosa, è difficile dirlo, potremmo definirlo una strana sindrome da risveglio 🙂  E’ come se un interruttore si accendesse e qualcosa nel profondo prendesse vita. Un sipario si alza, tra noi e “il mondo”, tra noi e chi abbiamo di fronte. Le sensazioni si accendono, tutto accelera a ritmi impensabili ed è come se le nostre percezioni vengano acuite. La capacità di assorbire emozioni, la capacità di entrare in empatia con gli altri, la capacità di percepire davvero, come fosse la prima volta, il brulicare di culture, modi di pensare e stili di vita infinitamente vari e incredibilmente affascinanti che ci circonda.

Le nazioni in cui abbiamo avuto la fortuna di vivere, sia Malta che l’Australia, seppur molto diverse hanno in comune un tasso di internazionalità da mettere i brividi. Noi, stranieri in una terra straniera, circondati si da locali desiderosi di lasciare scoprire la loro cultura, ma anche da numerosissimi expat come noi, immersi anima e corpo in un paese non loro.  Tutti diversi insomma, ma con una cosa in comune: la propria storia di vita tra le mani.   

Coinvolti in un melting pot culturale del genere, la curiosità verso tutto ciò che è “altro” si intensifica fino a diventare quasi struggente.  La sete di conoscere diventa pura arsura.  Ed è immensa la  meraviglia nel vedere popoli e culture mescolarsi in bellissime amicizie o amori dalle sfumature di pelle o di accento magnificamente diverse.

Ci siamo contaminati con storie, paesi, sorrisi, percorsi, così tanto da non essere più gli stessi dopo.
Abbiamo imparato come spesso i racconti di vita più entusiasmanti si nascondano dove meno ce lo si aspetta.  E’ cresciuta la consapevolezza di quanto i desideri più profondi possano essere simili, pur ospitati in anime nate a migliaia di chilometri di distanza.  Di quanto alcuni punti di vista possano ritrovarsi a combaciare quasi perfettamente, anche formulati da teste forgiate in contesti culturali agli antipodi.  Ci siamo resi conto sempre di più di quanto ogni incontro racchiuda in sé un’opportunità, e delle volte in maniera molto concreta e non solamente a livello filosofico. Per la serie nulla accade per caso, potremmo scoprire di essere noi la chiave per realizzare un sogno altrui, oppure che chi ci sta di fronte è lo strumento giusto sceso quasi dal cielo per dare vita ad un nostro progetto.  Abbiamo imparato insomma a non dare mai per scontato chi si affaccia sul nostro cammino.

STORIE IN VIAGGIO, NEL QUOTIDIANO: LE SCINTILLE SONO OVUNQUE

Dopo aver imparato, durante viaggi in giro per il mondo o esperienze di vita all’estero, a notare queste scintille di pura vita, ci siamo accorti di come siamo ora più portati a vederle ovunque, anche in ciò che a volte si confonde con un semplice quotidiano, che di semplice o di banale spesso non ha proprio nulla. Guardando con occhi nuovi non solo gli incontri fatti on the road, ma anche quelli nati lungo la via per il parco sotto casa, sul tapis roulant in palestra, o proprio qui dove queste parole prendono forma, in questa realtà virtuale senza confini. Un mondo digitale che è stato per noi un viaggio nel viaggio e che da quando il blog è nato ci ha catapultati in un universo parallelo così ricco di stimoli da non riuscire a immaginarlo prima.

Una cosa è certa: buttarsi nel mondo con fiducia riesce a stravolgere le nostre certezze. Ci spaventa e disorienta, per poi però rimetterci in piedi più consapevoli e forti di prima.  Ci stordisce e ci fa mettere in discussione tutto ciò che pensiamo e che siamo, per farci abbracciare poi una confortevole idea: siamo solo uno degli infiniti punti di vista, solamente un invisibile ma irripetibile puntino nell’oceano, senza il quale però il mondo non sarebbe lo stesso. 

RACCONTARE STORIE, UN VIAGGIO NEL VIAGGIO

Abbiamo anche imparato come a chiunque piaccia raccontare di sé, lasciarsi esplorare e dare un pezzo della propria storia a chi sia interessato ad ascoltarla. Con curiosità, senza giudizio e con la pura voglia di scoprire.  Con lo stesso spirito con cui  si parte per un viaggio, ci si dovrebbe incamminare sul percorso di vita di chi ci sta di fronte. 

Vorremmo provare a puntare i riflettori su qualcuna delle storie che abbiamo avuto l’onore di ascoltare. Fare salire sul palcoscenico di queste pagine alcuni dei personaggi che hanno incrociato la nostra via. E di quelle che la incroceranno. Perché non si finisce mai di scoprire.

Parleremo di chi ha per noi qualcosa di speciale da dire o un messaggio da trasmettere, con la sua semplice storia straordinaria: da coppie miste che si sono incontrate per puro caso (chiamiamolo fato) e non si sono più separate, a ragazze che hanno affrontato periodi che potevano sembrare impossibili mettendo il turbo alla loro voglia di spaccare il mondo, a chi un po’ nomade nel DNA ha vissuto in diversi paesi, seguendo opportunità e sogni.  

Insomma, vorremmo aprire una porta spazio temporale tra queste pagine, per darvi uno spaccato su meravigliose storie in viaggio. 

Pronti?  Emozioni in arrivo 🙂 

L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.

C.G. Jung